Curiosità

I Coccoretti

17 Febbraio, 2020
5
(1)

Nei nostri mercati sono facilmente individuabili. Il profumo si sente a distanza, inconfondibile. Il cocco, con la sua dolcezza esotica non perdona. Ed è proprio quest’ultimo a connotare i cosiddetti Coccoretti, che i venditori riconducono a una matrice belga.

Si tratta di cupoline bianche più o meno venate di marrone a seconda del grado di cottura: all’esterno sembrano compatte e asciutte, all’interno restano umide e sbriciolose. Un po’ come delle piccole rocce. Ed è proprio con il nome di “rochers à la noix de coco” (“rocce alla noce di cocco”), con una forma un po’ meno regolare e più “rocciosa” che sono noti in Francia.

Sono fatti con pochissimi ingredienti e tra essi non compaiono né rossi d’uovo, né olio o burro, né farina. Morale sono una risposta in alternativa alle meringhe quando in casa avanzano tanti albumi.

Bianchi come la neve, dicevamo, non lasciano trasparire un possibile nesso tra il cocco e il Belgio. Ma ecco che alla fine è un altro alias con cui sono conosciuti che forse fa un po’ di luce.

Questi simpatici dolcetti si chiamano anche “congolais”ossia “congolesi”. Ironia della sorte, o forse un certo razzismo che ha colpito anche in pasticceria, i congolesi non sono neri come la popolazione della Repubblica del Congo, dove la palma da cocco è notevolmente diffusa, ma bianchi come i Belgi che dominarono il paese africano nel secolo scorso.

Ti è piaciuto?

Valutazione media 5 / 5. Voti totali: 1

Vota per primo!

Visto che ti è piaciuto questo post...

...condividici sui social!

Ci spiace che non ti sia piaciuto

Aiutaci a fare meglio!

Dicci come possiamo migliorare

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply